fbpx

Perchè e come investire nel trend pluriennale del natural gas

In genere, la domanda di gas naturale negli Stati Uniti dovrebbe avere già raggiunto il picco per l’anno. Ma la persistenza del clima più freddo quest’anno al di là dell’Atlantico sta mantenendo alta la domanda.

Il gas naturale è di gran lunga il modo più popolare con cui gli americani riscaldano le loro case.

Circa il 50% di tutte le case degli Stati Uniti utilizza il gas naturale per il riscaldamento. E nelle parti più fredde della nazione, fino al 70% delle case sono riscaldate con gas naturale.

La nostra società occidentale è ancora costruita in modo tale che il gas naturale è questione di vita o di morte per noi.

Ad esempio, uno studio pubblicato dalla rivista britannica The Lancet ha analizzato i dati su oltre 74 milioni di morti in 13 paesi tra il 1985 e il 2012 per scoprire che il freddo uccide 20 volte più persone che il caldo.

A causa della domanda elevata di quest’anno, alcune utenze americane stanno addirittura segnalando carenze di gas naturale.

La scorsa settimana, Xcel Energy ha invitato i propri clienti nel Minnesota a ridurre i termostati nel tentativo di risparmiare il consumo del gas. Le temperature a Minneapolis erano sottozero la settimana scorsa, arrivando fino a circa -30 ° – che è circa il doppio rispetto alle normali temperature di questa stagione.

Poiché si tratta di un combustibile per riscaldamento, la domanda di gas naturale è ciclica. Ogni anno la domanda aumenta in inverno e scende con le temperature più calde.

Marzo è solitamente il periodo dell’anno in cui la domanda di gas naturale negli Stati Uniti inizia a rallentare, mentre le scorte crescono.

Ma non quest’anno.

A causa del freddo di quest’anno, gli analisti si aspettano che la domanda di gas naturale degli Stati Uniti raggiunga il picco stagionale questa settimana o la prossima.

Bluegold Research prevede che il gas naturale raggiungerà il picco nelle prossime settimane, affermando: “La domanda totale dovrebbe raggiungere un picco a breve termine il 7 marzo, ma è ancora prevista una crescita (in termini annuali) per altre cinque settimane”.

La domanda di fine stagione di quest’anno fornisce un buon sostegno nelle prospettive rialziste a lungo termine per il gas naturale.

Il fatto è che il gas naturale è uno dei mercati in più rapida crescita nel settore energetico.

Dal 1986, il consumo di gas naturale negli Stati Uniti è aumentato dell’85%. E la domanda non rallenta.

L’EIA prevede che il consumo di gas naturale negli Stati Uniti continui ad aumentare di un altro 40% tra oggi e il 2050.

Come negli Stati Uniti, anche la domanda di gas in Messico è in aumento.

Sfortunatamente pero’, il Messico non ha abbastanza giacimenti per soddisfare la domanda interna. Quindi gli Stati Uniti, essendo il primo produttore al mondo di gas naturale, è il primo importatore di carburante in Messico.

Con la domanda di gas naturale in rapido aumento qui e in Messico, i produttori statunitensi di gas naturale sono quindi destinati ad avere un cash flow garantito per i prossimi decenni.

Produttori americani di gas naturale come Chesapeake Energy (NYSE: CHK) e Anadarko Petroleum (NYSE: APC) sono tra quelli che preferisco per investire a lungo termine sul settore.

Tutti gli investitori in materie prime dovrebbero mantenere una posizione a lungo termine con una buona esposizione al gas naturale.

Quello che invece trovo quasi impossibile da prevedere, sono i movimenti a breve e medio termine di questo settore. Davvero c’è di che diventare pazzi.

Il nat gas è per me un tipico investimento da cassettista, buono per stare in portafoglio a lungo senza dover perdere tempo a fare trading di medio termine.

Come gli altri settori che Segnali di Borsa ha descritto in questi anni:

Continua a seguire i nostri articoli sui trend piu’ redditizi delle borse mondiali e, se non lo hai ancora fatto, iscriviti gratis per ricevere i prossimi articoli direttamente via email.

Il team di Segnali di Borsa

Spread the Word
>